Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2012

Là tra gli Inuit dove non vogliono la civiltà

Gli Inuit (chiamati anche Eskimo) sono un popolo indigeno che abita le regioni artiche del Canada. Gli Inuit che abitano nella cittadina di Kuujjuaq, nella regione del Nunavik nel Quebec settentrionale, si oppongono al governo del Quebec, che sta cercando di costruire una ferrovia o una strada a servizio dell'attività mineraria in crescita nella regione. Essi non vogliono un collegamento di trasporto a terra con il sud.

I funzionari dei trasporti hanno presentato un studio di prefattibilità in una riunione nel municipio di Kuujjuaq questa settimana. Ma nel corso della riunione, parole dopo parole, il sindaco della cittadina Paolo Parsons ha espresso preoccupazione circa gli effetti negativi che la costruzione della strada potrebbe portare.Inoltre, dice sempre il sindaco, il governo del Quebec non ha consultato correttamente con gli Inuit.

I governanti del Québec dicono che costruire una strada a Kuujjuaq, e molto di più costruire una ferrovia potrebbe costare 1 miliardo di dollari.

The Shams solar power: l'altro sole di Abu Dhabi

Nel futuristico emirato di Abu Dhabi, il Consiglio Esecutivo ha recentemente approvato una serie di progetti che sostengono il ruolo globale degli Emirati Arabi quali fornitori di energia.

La centrale solare Shams è prevista per essere operativa entro il mese di agosto e contribuirà con 100 megawatt alla rete elettrica di Abu Dhabi. L'approvazione è stata data anche per la costruzione di Sir Baniyas wind farm, la fattoria del vento. Entrambi i progetti serviranno a sostenere la visione del governo di avere il 7 per cento del proprio fabbisogno energetico fornito da energie rinnovabili.

La centrale elettrica solare Shams sarà costruito a circa 120 chilometri sud-ovest di Abu Dhabi e 6 km da Madinat Zayed sulla strada per Tareef a Liwa Oasis.
La prima fase di Shams 1 avrà una capacità di 100MW, che fa di essa tra le più grandi stazioni di alimentazione solare nel mondo attraverso grandi paraboliche.
Shams 1 dovrebbe essere commissionata quest'anno per essere poi seguita da Shams 2 …

Iran: sfida all'occidente

Lo stretto di Hormuz, il rubinetto del petrolio mondiale, rischia di essere chiuso dal regime di Teheran.

L'ultima provocazione è una campagna di esercitazione militare.

L'Iran schiera la sua marina nello stretto di Hormuz e da 10 giorni testa missili a lungo raggio, si esercita a bloccare la navigazione e intima agli stati uniti di allontanare definitivamente la portaerei USS Abraham Lincoln(affiancata da navi da guerra inglesi e francesi), intensificando i suoi avvertimenti bellicosi, giungendo persino ad affermare, per bocca di un anziano deputato, che nel caso dovesse chiudere lo stretto, come ha minacciato di fare, la portaerei americana "sarà il bottino di guerra dell'Iran.

Tuttavia, questo è solo un aspetto della loro strategia di deterrenza, dice Fariborz Haghshenass, un esperto di uno studio del 2008 sulla base di dottrine pubblicate delle Guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC).  Ci sono anche Hezbollah e Hamas e gruppi di militanti attivi ai confini di Isra…

La Scozia entra in partnership con Masdar City, la città più verde del pianeta

Ne avevamo parlato nel 2008 sul vecchio blog di Blogosfere:  Masdar City, la città piu verde al mondo.

La società responsabile della "città verde nel deserto" è entrata in partnership con il paese più importante d'Europa, dal punto di vista delle energie rinnovabili: la Scozia.

Il Primo ministro scozzese Alex Salmond è stato negli Emirati Arabi Uniti (UAE) la scorsa settimana per firmare un accordo con la Abu Dhabi Masdar per collaborare formalmente sullo sviluppo di "prodotti energetici verdi."

Abu Dhabi detiene l'8 per cento delle riserve mondiali di petrolio greggio, e l'Abu Dhabi National Oil Company (Adnoc), è una delle 10 più grandi compagnie petrolifere del mondo. Ma gli Emirati Arabi Uniti stanno emergendo come leader sulle energie rinnovabili grazie soprattutto a Masdar City, un vero totem nell'ambito dell'industria tecnologica sostenibile.

L'accordo è il primo del suo genere tra Masdar e un singolo paese, e potrebbe segnare l'…

L'amara verità di un mondo che ha imboccato la via sbagliata

Dopo la recente crisi dei combustibili fossili accoppiata con l'instabilità politica nei paesi produttori di petrolio e di altre parti del mondo, il mondo sviluppato, in particolare l'Europa occidentale e gli Stati Uniti hanno tracciato una road map per trovare fonti alternative di energia da fonti rinnovabili.

Per cui, ha preso avvio il cosidetto land grabbing, cioè il processo attraverso il quale vengono espropriati piccoli proprietari terrieri attraverso interventi da parte di attori esterni. Negli ultimi anni il mondo è stato testimone di un massiccio sfruttamento di enormi pezzi di terra nei paesi poveri.

A causa dell'instabilità politica e dell'aumento drastico dei prezzi dei combustibili fossili, in particolare diesel, cherosene e petrolio, i paesi europei, che hanno per lo più bisogno di questi combustibili, hanno deciso di trovare le alternative per risolvere il problema. Essi stanno acquistando enormi pezzi di terra attraverso contratti controversi che a volt…

Una grande tempesta di radiazioni solari si sta dirigendo sul nostro pianeta

Dopo sei anni, una grande tempesta di radiazioni solari si sta dirigendo sul nostro pianeta.

La Terra sarà bombardata oggi dalla più forte tempesta di radiazioni solari dopo sei anni, con scarse potenzialità  di influenzare i satelliti e le reti elettriche.

Secondo il Noaa (National Oceanographic and Atmospheric Administration), l'espulsione totale della coronale, un rilascio violento di plasma e campi magnetici del sole, sta precipitando verso la Terra a 4 milioni di chilometri all'ora e dovrebbe colpire alle ore 9:00 (ora di New York), secondo l'Amministrazione Nazionale di Oceanografia e atmosferica.

“L'ultima volta che si è avuto  una forte tempesta di radiazioni era il maggio del 2005," ha dichiarato Doug Biesecker, un fisico presso il  NOAA’s Space Weather Prediction Center in Boulder, Colorado.

L'espulsione porterà con sé una tempesta geomagnetica in grado di raggiungere un livello G3, o il posizionamento "Strong", che equivale a correzionidi te…

Nigeria: violenza e stragi senza fine

I cristiani fuggono in massa dal nord della Nigeria (popolato in gran parte dai musulmani) e da stragi che sembrano non avere fine. Sono nel mirino dei fondamentalisti islamici Boko Haram, gruppo legato ad Al Quaeda. Una linea di sangue cominciata a Natale con le bombe nelle chiese, A seguito dei fatti il presidente nigeriano Goodluck Jonathan ha dichiarato lo stato di emergenza in quattro Stati del nord.

Sinora è salito a 200 morti il bilancio dell'attacco di venerdì nella città di Kano, la seconda città più grande della nazione, nel nord della Nigeria, dopo gli attentati che hanno colpito otto siti governativi. Ma il numero dei morti è destinato ad aumentare in quanto gli ospedali non sono attrezzati per affrontare l'afflusso e la gravità delle lesioni. Circa 50 persone sono rimaste ferite e sono tuttora in corso le operazioni di ricerca e salvataggio.

Gli attacchi, con esplosioni e sparatorie (le armi sono state fornite direttamente da Al Quaeda), sono stati effettuati su v…

Una vera guerra anti-balene è in atto tra Sea Shepherd e la flotta giapponese nell'Oceano Antartico

Una vera e propria guerra si sta tenendo nell'Oceano Antartico tra gli attivisti di e l'equipaggio di una nave baleniera giapponese,  la Yushin Maru 2, la quale si sta muovendo ad arte per  eluderelele navi di Sea Shepherd.

C'è stato un violento scontro in mare, con gli attivisti che hanno lanciato contenitori di burro rancido e vernice ma hanno ottenuto in cambio granate e gas lacrimogeni.


The Japanese Fisheries Agency (l'agenzia della pesca giapponese) ha riferito che gli attivisti hanno gettato più di 40 bottiglie di burro rancido e vernice contro la nave baleniera.
Il fondatore di Sea Shepherd, Paul Watson, a bordo del vascelloSteve Irwin, ha dettoalla Abc che i giapponesi hanno risposto al fuoco con una sfilza di granate e gas lacrimogeni.


"Per la prima volta oggi hanno usato gas lacrimogeni che portano nei contenitori di grandi dimensioni sugli zaini".


Due settimane fa, tre australiani  di Forest Rescue, un gruppo australiano specializzato nell…

Il dito di Dio: un'altra grande bugia? - parte seconda -

Prima della fatidica data del 21 dicembre, in campo astrologico, che non è poi tanto dissimile da quello astronomico, si verificherà un aspetto utilizzato soprattutto in astrologia mondiale. Si verificherà un aspetto denominato YOD  ('dito di Dio'). Ci sono profondi collegamenti mistici  alla Yod in astrologia teologica che ha avuto origine con il misticismo ebraico, di cui, in verità, non ne so molto. So tuttavia che è un aspetto astrologico che indica un sestile (distanza di 60°) tra Marte e Plutone a 8° nel segno del Capricorno, con Venere e Saturno a 8° nello Scorpione, entrambi in quinconce (150°) con Giove a 8° nei Gemelli, che rappresenta l'apice del triangolo che ne viene fuori, appunto, il dito di Dio.

Nell'astrologia mondiale questo aspetto indica un periodo di crisi, o un compito speciale...  e secondo alcuni, proprio perchè i pianeti coinvolti sono sullo stesso grado corrispondente a 8°, ha un sapore fatale. Questo vuol significare che in quel periodo ci s…

Il dito di Dio: un'altra grande bugia?

Sebbene ero appena un ragazzino, non potrò mai dimenticare quello che accadde un giorno tra luglio e settembre, forse anche ottobre del 1961. Non rammento bene il periodo.

Si era in piena guerra fredda e le due superpotenze mostravano i muscoli nelle grandi competizioni spaziali che presero il via all'incirca in quel periodo.

Io me ne stavo in un collegio ad Ariccia, presso i Castelli Romani. La struttura ospitava maschietti e femminucce e quando nelle giornate assolate si andava in giardino a svagarci, c'era una rete metallica a dividerci. Il giardino era cosparso di poca erba e molta ghiaia, con qualche siepe ed albero sparsi quà e là.

Le assistenti che ci accompagnavano erano vestite di bianco, e se ben ricordo erano tutte piuttosto giovani. Il giardino affacciava sulla via Appia, al cui centro c'era una ferrovia su cui passava il tram. Ogni tanto se ne vedeva qualcuno.

In quel periodo la Chiesa era guidata da Papa Giovanni XXIII, e non molto lontano dal luogo in cui …

Il global warming aiuta l'albatross a vivere meglio

Secondo alcuni scienziati, il global warming potrebbe avere contribuito a incrementare la sopravvivenza di una specie di albatross in pericolo di estinzione.

Venti più forti sopra l'Oceano del Sud, probabilmente perchè l'aria è più calda, hanno permesso all'albatros vagabondo (Wandering Albatross - nell'immagine) di volare più velocemente e raggiungere la preda con meno sforzo.

Spendere meno tempo alla ricerca di cibo ha permesso loro di svilupparsi e diventare più grandi, aumentando così le loro probabilità di allevamento con successo, secondo uno studio condotto da biologi in Francia.

Già il più grande uccello al mondo, con un'apertura alare media di oltre tre metr (10 piedi), l'albatros, ha aumentato il suo peso corporeo di circa il 10 per cento negli ultimi decenni. Può raggiungere la velocità fino a 80 mph se le condizioni del vento sono ideali.

Ma gli scienziati hanno avvertito che l'inversione di tendenza delle fortune dell'uccello potrebbe esser…

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, sta aiutando AltaRock Energy nello stato di Washington, partecipando con 21,5 milioni dollari ad un progetto geotermico con una nuova tecnologia chiamata Enhanced Geothermal Systems (EGS), che non richiede naturali convettivi risorse idrotermali.EGS sfrutta il calore, facendo crescere l'energia geotermica da una piccola nicchia in una fonte importante di energia verde.

Il calore della crosta terrestre è stato utilizzato per generare energia per oltre un secolo. Ingegneri raccolgono l'acqua calda o il vapore che bolle in prossimità della superficie e lo usano per far girare una turbina che genera energia elettrica.

Partecipano al progetto, che si tiene presso il Newberry Volcano, nello Stato dell'Oregon, anche investitori privati, tra i quali il gigante di Mountain View Google con 6,3 milioni di dollari.

Il piano degli sviluppatori di energia geotermica è quello di pompare 91 milioni di litri d'acqua, lavorando quest…

Investimenti record per l'energia pulita nel 2011

Sebbene in un recente post si sia parlato di un momento critico per il settore dell'energia solare, e nonostante le turbolenze dell'economia globale, nel 2011 il mondo ha investito 251 miliardi di dollari in energia pulita, un vero record, con gli Stati Uniti che hanno ripreso il primo posto nella spesa per energie rinnovabili che aveva perso nel 2009.

Ora, con una speso di 54 miliardi dollari in energia pulita, sono davanti alla Cina, ripristinando la fiducia nei suoi sostenitori. Lo dicono i nuovi dati di Bloomberg New Energy Finance  e le ipotesi che sfidano la più grande economia del mondo è contrassegnato sulla riduzione dei gas a effetto serra.

Anche l'Australia ha fatto il suo record nel 2011, spendendo 4,7 miliardi dollari in energia pulita, con un aumento dell'11 per cento rispetto all'anno precedente, in gran parte tutto nel settore solare.

''Nonostante la crisi finanziaria, e i sistemi di tariffazione di carbonio che non si sono sviluppati nel mod…

Nel 2017 l'Australia diventerà il primo esportatore mondiale di GNL

Nel 2017 l'Australia diventerà il primo esportatore mondiale di GNL (gas naturale liquefatto), superando il Qatar.

Con 34 miliardi di dollari la giapponese Inpex Corporation ha annunciato la tanto attesa decisione finale di investire nel progetto Ichthys, un offshore nel Browse Basin, con una stima di 40 anni di vita di trattamento del gas. al largo dell'Australia Occidentale, in una Joint Venture tra INPEX che detiene una partecipazione del 72,805 per cento del progetto e Total col 24 per cento.

Il gas sarà poi esportato dal Mar di Timor nell'impianto di trasformazione a terra a Darwin attraverso una pipeline di 850 km sottomarini.

Nel mese di dicembre, Inpex ha firmato circa 70 miliardi di dollari di vendite di GNL accordandosi con un consorzio formato di cinque utility giapponesi tra cui Tokyo Electric Power Co, Tokyo Gas, Osaka Gas, Kyushu Electric Power Co e Kansai Electric Power Co., che acquisterà un totale di 4 milioni di tonnellate all'anno per 15 anni da Ic…

Global warming e uccelli in via di estinzione

Siccità, riscaldamento globale, alti livelli di emissioni di anidride carbonica in atmosfera, scarsità di materie prime stanno cambiando per sempre il nostro clima e di conseguenza le nostre abitudini, quelle acquisite da centinaia di anni, come pure quelle di uccelli che migrano laddove hanno la possibilità di sopravvivere.

Secondo un recente studiole anatre boreali canadesi, che sono in rapido declino sin dal 1970, a causa dei cambiamenti climatici, non hanno il cibo di cui hanno bisogno quando ne hanno bisogno.

Stuart Slattery, un ricercatore di Ducks Unlimited Canada, assieme ad un team di scienziati della University of British Columbia, sta da tempo cercando di risolvere un mistero delle foreste boreali del Canada: perché due specie di anatre, la Moretta grigia (scaup) e lo scooter, è sceso in modo così drammatico nelle cifre - del 40 per cento e 60 per cento, rispettivamente - in soli tre decenni?

La popolazione Scaup, ad esempio, è precipitata da sei milioni a 3 milioni e me…

L'Arabia Saudita e l'energia solare

L'Arabia Saudita brucia più petrolio per produrre energia elettrica rispetto a qualsiasi dei suoi vicini GCC (Gulf Cooperation Council). Politicamente, la penisola araba è costituita da Arabia Saudita, Kuwait, Bahrein, Qatar, Emirati Arabi Uniti, il Sultanato dell'Oman, e la Repubblica dello Yemen. Insieme, questi paesi (esclusa la Repubblica dello Yemen) costituiscono il Gulf Cooperation Council (GCC).

Il direttore esecutivo della Saudi Aramco Power Systems (la più grande compagnia statale di petrolio), Ziyad Al Shiha, nel maggio scorso ha dichiarato alla stampa che l'Arabia Saudita stava bruciando 800.000 barili al giorno e che il consumo era in forte crescita.

Ora, sappiamo tutti che la penisola arabica è praticamente ricoperta da sabbia del deserto, situata all'interno della fascia equatoriale, nella cosidetta "Sun Belt", dove la radiazione solare colpisce di più la terra che in  qualsiasi altra parte del globo. In questa posizione favorevole l'Ara…

Caccia alle balene: presi tre attivisti di Forest Rescue

E' una battaglia senza esclusione di colpi. Gli attivisti di Sea Shepherd per difendere le balene sono disposti a tutto. Incursione mordi e fuggi, su imbarcazioni velocissime: è l'unico modo per distrarre i pescatori giapponesi e mettere in guardia i grossi cetacei.

Per i giapponessi l'australiano Paul Watson e i suoi uomini sono solo ecoterroristi e rispondono speronandoli con il lancio d'idranti. Spesso finisce così, coi motoscafi di Sea Shepherd che soccombono. Ma lo scorso anno il Giappone ha dovuto interrompere in anticipo la caccia alle balene.

Al momento, a battaglia cominciata, tre attivisti australiani di Forest Rescue, un gruppo australiano specializzato nelle azioni dirette, sono stati catturati e portati a bordo di una baleniera giapponese,

I 3 attivisti, sono "prigionieri attualmente detenuti in una baleniera giapponese".

Parlando al telefono satellitare con Reuters durante il viaggio verso l'Antartide, il fondatore di Sea Shepherd, Paul…

Una maggiore diversità genetica è la chiave della sopravvivenza delle colture nell'era del Global Warming

Dei ricercatori australiani hanno dimostrato che la diversità genetica potrebbe essere la chiave per la sopravvivenza dele colture alimentari di fronte alla minaccia incombente del riscaldamento globale.

In un rapporto pubblicato su "Proceedings of the National Academy of Sciences" (PNAS),” dell' University of Queensland, gli scienziati dicono che le piante di riso selvatico nelle zone più calde e secche dell'Australia tendono ad essere più geneticamente varie.

Il professor Robert Henry del Queensland Alliance for Agriculture and Food Innovation (QAAFI), che ha guidato il team di ricerca, ha detto che ci sono state conseguenze a livello mondiale per questa scoperta. "Questa scoperta sarà utile nella selezione delle varietà delle colture che possono far fronte ad un clima variabile e mutevole", ha detto.

La diversità genetica trovata dagli scienziati è vista come un baluardo contro il cambiamento climatico perché alcuni geni  offrono alle piante un grado d…

2012: gas liquefatto e carbone la faranno da padroni

Con la lenta e talvolta ambigua crescita delle energie alternative, e dopo il disastro nucleare di Fukushima che ha inferto una gran batosta all'energia nucleare, stanno ritornando in pista a grande richiesta gas e carbone.

Adesso, anche l'Hedge Fund, che si può definire come "qualsiasi fondo che non sia un convenzionale fondo d'investimento" investe su navi da trasporto del gas liquefatto, battendo addirittura quelle che trasportano petrolio e carbone.  Difatti, le petroliere che trasportano il gas naturale liquefatto via mare faranno guadagnare nel 2012 più che nel 2011 appena trascorso.

Il gas liquefatto ( LNG)  trasportato dalle navi cisterna andrà a soddisfare circa il 25 per cento della richiesta quotidiana nel Regno Unito, e quest'anno farà guadagnare fino a 200.000 dollari al giorno rispetto ai 140.000 della fine del 2011. Questo, è quanto dichiara Andreas Vergottis, direttore di Tufton Oceanic (OCEHEDU) Ltd. a Bloomberg show. Questo significa il mag…

South Stream: allo studio un nuovo percorso del gasdotto per bypassare l'Ucraina

Con il vero inverno alle porte, in Europa la domanda di gas sta crescendo velocemente, perciò si richiede una più rapida attuazione dei progetti in corso. I progetti devono essere redditizi e competitivi, confrontati agli itinerari attuali o previsti. A tal fine, vengono proposte alcune soluzioni per abbattere sia i costi e i tempi necessari per la realizzazione del progetto South Stream.

Il primo ministro Vladimir Putin ha incaricato il gigante del gas Gazprom ad accelerare la costruzione di un gasdotto sotto il Mar Nero in un apparente tentativo di mettere sotto pressione l'Ucraina, il principale fornitore di gas russo verso l'Europa e molto legato al progetto South Stream, la cui co-proprietà è di Gazprom, la francese EdF,  l'Eni e la tedesca  Wintershalla.

Putin, nei commenti televisivi, ha detto all'executive di Gazprom Alexei Miller, che "sarebbe opportuno" avviare la costruzione del gasdotto alla fine del prossimo anno, e non nel 2013. La mossa rischi…