Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2011

Bene, ci siamo, sta arrivando il temibile 2012!

Immagine
Bene, ci siamo, sta arrivando il temibile 2012!

Prepariamoci dunque ad affrontare un anno terribile che ci vedrà tutti insieme uniti in un abbraccio mortale.

Era da tempo che aspettavo questo momento!

Così forse, riusciremo ad essere più buoni e più comprensivi con tutto ciò che è sempre stato troppo lontano dal nostro modo di fare ma anche dalle nostre insane abitudini...

Bando alle scempiaggini!

Ci sono state infinite storie e varie teorie attorno a ciò che accadrà nel 2012 sulla base di profezie di Nostradamus e del Calendario Maya. Tuttavia, secondo alcuni importanti astrologi il 2012 sarà invece un anno meraviglioso e anche un anno molto eccitante dovuto proprio al verificarsi di movimenti planetari che non sono mai esistiti prima.

Anche gli sciamani peruviani sono arrabbiati con il tempo in cui vivono ed è per questo che una dozzina di loro hanno eseguito un rituale nel Cerro San Cristóbal per neutralizzare il temuto riferimento degli indigeni maya sull'apocalisse che presum…

La minaccia dell'Iran sullo Stretto di Hormuz

Immagine
L'Iran minaccia di bloccare il percorso del petrolio nello Stretto di Hormuz se l'Occidente impone sanzioni al suo programma nucleare.

Il Vice presidente iraniano Mohammad Reza Rahimi ha avvertito che "non una goccia di petrolio passerà attraverso lo Stretto di Hormuz" se le sanzioni saranno allargate. Le nazioni occidentali hanno recentemente presentato nuove sanzioni contro Teheran a seguito di un rapporto delle Nazioni Unite in cui si dice che l'Iran aveva effettuato dei test legati allo "sviluppo di un ordigno nucleare".

Gli Stati Uniti e i suoi alleati ritengono che l'Iran stia cercando di sviluppare un'arma nucleare, mentre Teheran insiste che il suo è un programma nucleare per scopi pacifici.

Il capo ammiraglio della marina iraniana Habibollah Sayari ha detto che la chiusura dello stretto, vitale per lo scambio dell'Occidente, sarebbe "molto facile" per le forze armate iraniane "o come dicono gli iraniani, più faci…

Energia solare: la crisi che non ti aspetti

Immagine
A lungo considerata come un rimedio per la dipendenza del mondo dai combustibili fossili, l'industria solare sta oscurandosi mentre i produttori  di pannelli utilizzati per sfruttare il sole continuano a cadere nel dimenticatoio.

Fallimenti, crollo dei titoli azionari e la frantumazione dei carichi del debito stanno mettendo in dubbio l'attuabilità di un'industria che dagli anni 70 è stata pensata per far avanzare gli Stati Uniti - e il mondo-  in una epoca di nuova energia.

Secondo Jefferies Group analysis, la domanda globale di energia solare è ancora in crescita, circa l'8% più pannelli solari saranno installati quest'anno rispetto al 2010, ma si prevede una linea piatta per il prossimo anno.

Al centro del settore la sventura dei prezzi sta calando rapidamente per i pannelli solari e i loro componenti-polysilicon, wafer, celle e gli stessi moduli. Il motivo è semplice: ci sono troppi produttori che provano a vendere i loro articoli.

Nel corso degli ultimi mesi, …

South Stream: l'attuazione del progetto dipende solo dall'Ucraina

Immagine
L'attuazione del progetto per la costruzione del gasdotto South Stream dipende dai negoziati con l'Ucraina. Lo riferisce a  Interfax Alexei Miller, amministratore delegato di  Gazprom.

Commentando le prospettive per il progetto South Stream, nel contesto dei negoziati sulla cooperazione nella sfera del gas con l'Ucraina, Miller ha detto: "South Stream è sempre stato legato all'Ucraina."

Ad oggi, l'Ucraina è il principale fornitore di gas russo verso l'Europa. Nel gennaio 2006 e 2009, le controversie tra Ucraina e Russia hanno portato a una battuta d'arresto nel transito del gas russo verso l'Europa.

Gazprom ha affermato più volte che è impossibile controllare i volumi di transito del gas attraverso l'Ucraina, in quanto il paese regola l'afflusso di gas più a suo piacimento, piuttosto che come stipulato nel quadro del relativo contratto di approvvigionamento di gas.

La capacità di progettazione delle due nuove condotte di gas - Nord Stre…

Buon Natale a tutti voi

Immagine
Sebbene i tempi che stiamo vivendo sembrano non andare per il verso giusto, sarebbe meglio non caricare ulteriormente di problematiche, molte delle quali portate avanti con senso di rivalsa, la nostra vita, per non incorrere in situazioni esplosive dalle quali poi sarebbe drammatico uscirne.
 Non c'è bisogno di elencarle ma sono tantissime le cose che non vanno nel nostro Paese e nel mondo intero. Lo sappiamo!

Le rivoluzioni, quelle vere, servono quando si riesce a dare un taglio netto e definitivo a tutto ciò che si è conservato per troppo tempo. Ma tagli di questo genere vivono su tempi lunghi, anzi lunghissimi, poichè non si può cambiare il sistema economico, artefice in massima parte dei nostri guai, dall'oggi al domani. Ne si possono depennare in un sol colpo aziende, multinazionali, istituzioni pubbliche e private, lobbies, partiti politici, ect... che godono di tanti privilegi che il 99% della popolazione neanche si sogna.

Le rivoluzioni moderne hanno bisogno di strateg…

Metalli delle terre rare: il prezzo del ricatto?

Immagine
Televisori a schermo piatto, smart phone, tablet, iPod, calcolatori, schermi a cristalli liquidi, lavatrici, macchine fotografiche digitali e macchine a raggi X, auto ibride, sistemi di guida di missili e perfino di razzi nello spazio... tanti oggetti high-tech che contengono terbio (fosfori verdi, laser, lampade fluorescenti), neodimio  (motori magnetici elettrici, usato per il colore viola di vetri, ceramiche, laser... ), lantanio (telescopi,  batterie delle automobili ibride come Toyota Prius, fotocamere), europium (colore televisori, red and blue phosphors, laser), erbium (laser, fibre ottiche)... tutti materiali che sono chiamati collettivamente Rare Earth Elements, metalli delle terre rare, un gruppo di diciassette elementi chimici della tavola periodica, senza la quale il nostro mondo moderno di comunicazione non esisterebbe e non avrebbe avuto la possibilità di vedere nemmeno la primavera araba... visto l'imponente impiego di molti strumenti tecnologici che sono stati i…

Crisi economica e assalto alle terre africane

Immagine
Oltre 40 milioni di ettari di terreno è stata acquisita nei paesi in via di sviluppo per la produzione di biocarburanti negli ultimi dieci anni. Questo è quanto segnala un nuovo studio pubblicato dalla International Land Coalition.

La ricerca ha esaminato esclusivamente grandi acquisizioni di terre tra il 2000 e il 2010. Ammontano a 200 milioni di ettari di terreno, di cui gli autori sono stati in grado di discernere l'intento per 71 milioni di ettari.

Sorprendentemente il rapporto, intitolato “Land Rights and the Rush for Land: Findings of the Global Commercial Pressures on Land Research Project” (diritto fondiario e assalto alla terra: I risultati delle pressioni commerciali globali sul progetto di ricerca della terra), ha rilevato che la produzione di cibo è stato solo al centro di meno di un quinto della quantità di terre. Quasi il 60 per cento era destinata ai biocarburanti.

Il rapporto dice che mentre i grandi investimenti in agricoltura possono portare benefici ", essi…

Antartide: alla scoperta della vita dei vermi nelle acque che si riscaldano

Immagine
Arrivando alla fine di agosto a McMurdo Station su Ross Island, il più grande avamposto dell'Antartide, Adam Marsh, professore al UD’s College of Earth, Ocean, and Environment dell'Università del Delaware e il suo team di ricerca hanno intrapreso una serie di immersioni nelle acque gelide nei due mesi successivi per raccogliere i vermi del mare polare, che sono segmentati come lombrichi, ma appartengono alla classe nota come “polychaetes.”

 I ricercatori stanno esaminando i minuscoli vermi che abitano nel mare gelido dell' Antartide per imparare non solo come questi organismi si adattano al freddo intenso, ma il modo in cui sopravvivono all'aumento delle temperature oceaniche.

Lo studio del National Science Foundation, guidata da Adam Marsh, inoltre metterà a confronto il processo di adattamento della temperatura del verme polare, conosciuta scientificamente come Capitella perarmata, con quello di un parente stretto che vive nelle acque temperate, il Capitella telet…

Acqua: il grande business del XXI secolo

Immagine
Si dice da tempo, non lo si è mai preso troppo sul serio, ma adesso molti concordano sul fatto che siamo nel bel mezzo di una crisi globale di acqua dolce. Sebbene i principali fiumi del mondo hanno abbastanza acqua per soddisfare le esigenze di tutti, il modo in cui essa viene sfruttata è del tutto iniquo, in quanto l'egoismo di stati e grossa multinazionali la fanno da padrone.

In tutto il mondo, fiumi, laghi e falde acquifere stanno diminuendo più velocemente di quanto Madre Natura può ricostituirle, e anche i prodotti chimici e industriali le stanno inquinando a velocità vertiginose.

Nel frattempo, la popolazione mondiale sta aumentando  a dismisura. Goldman Sachs stima che il consumo di acqua mondiale raddoppia ogni 20 anni, e le Nazioni Unite prevedono che la domanda supererà l'offerta di oltre il 30% nel prossimi 2040.

Nei prossimi decenni, quando un numero crescente di persone vivranno nelle aree urbane e il cambiamento climatico renderà alcune regioni molto più inclin…

Durban: gli strascichi della conferenza

Immagine
L'11 dicembre è stato annunciato che un nuovo accordo era stato raggiunto, ma che non sarebbe stato chiaramente formulato fino al 2015 e non implementato fino al 2020. Questo risultato della conferenza di Durban era quasi prevedibile, considerando gli interessi contrastanti degli stati capitalisti industrializzati e le economie emergenti di Cina, India e Brasile, tra gli altri.

Si pensava che la Conferenza avrebbe portato tutti gli Stati a mettersi d'accordo per limitare la rapidità del riscaldamento globale, che molti citano come causa dei problemi crescenti di disastri naturali, siccità e deficit alimentare.

Ma così non è stato.

Quello di cui si sa poco però è che  sulla collina di KwaZulu-Natal University si è tenuto un controvertice tenuto da  “People’s Space” una comunità di giovani, sindacalisti, attivisti della comunità che hanno inscenato il Global Action Day, una mobilitazione di massa che ha marciato alla Conferenza COP 17 con un programma di base legato alle preoc…

La nuova era dell'esplorazione lunare ai privati

Immagine
Dopo le straordinarie missioni lunari degli anni 60 e 70 con Apollo, in cui l'uomo ha messo per la prima volta piede sul suolo lunare, sembra che gli Stati Uniti abbiano messo da parte la rincorsa sul nostro satellite. In effetti così è stato. Adesso è in atto una nuova era dell'esplorazione lunare e  Google Lunar X Prize, una competizione che offre come incentivo il più grande premio internazionale di tutti i tempi, vede in competizione 29 aziende, in cui i team finanziati con fondi privati ​​cercheranno di mettere robot sulla Luna entro il 2016 e di avere robot che viaggiano a 500 metri sulla superficie lunare e inviare immagini e dati sulla Terra. Un totale di 30 milioni di dollari di premi sono a disposizione per le prime squadre finanziate con fondi privati per almeno il 90 per cento.
​​
Dal punto di vista economico tornare sulla luna è molto vantaggioso. Ora la NASA ha passato tutto il suo known-how al settore privato, che potrà sfruttare tutte le tecnologie dell'e…

La Blue Economy alla conquista del mondo

Immagine
Finanziato da un generoso contributo della Loker Foundation, la missione del Monterey Institute’s new Center for the Blue Economy (CBE) è quello di educare la prossima generazione di leader per la gestione sostenibile degli oceani del mondo e coste.

In questo autunno il Centro per la Blue Economy (CBE) ha lanciato una concentrazione di 16 linee di credito nella "Gestione delle risorse dell'oceano e costiere" come parte del programma internazionale del Monterey Institute di politica ambientale.

La CBE ha anche preso possesso del' National Ocean Economics Progam (NOEP), che è la principale think tank (serbatoio di pensiero) dei dati economici e delle analisi oceaniche e costiere.

Come si è detto in un altro post, la Blue Economy, termine coniato dall'economista belga Gunter Pauli che è il fondatore di Z.E.R.I, (Zero Emission Research Initiative), si differenzia dalla Green economy perché non si chiede alle aziende di investire di più per salvare l'ambiente. Gli…

Durban: un inadeguato accordo sul clima raggiunto solo in onore di Nelson Mandela

Immagine
Dal nostro inviato a Durban John Keyman

Onde evitare che in futuro il nome di Durban venga associato ad un fiasco, dopo dodici giorni di trattative regolamentari e 36 ore di tempi supplementari, praticamente in zona Cesarini, si è trovato il solito accordo compromesso come già  era avvenuto nelle passate conferenze.  Via libera quindi alla tabella di marcia che porterà all'adozione di un accordo globale salva-clima entro il 2015, in vigore però solo dal 2020.  Lo hanno deciso i partecipanti alla 17esima Conferenza mondiale sul clima a Durban, in Sudafrica. Trovato anche un accordo per il "Kyoto 2", che regolerà i flussi delle emissioni di gas serra nel periodo 2012-2015.                

C'è chi lo definisce, forse un po' troppo pomposamente, un accordo storico, come spiega un comunicato della Commissione europea, solo perchè l'Ue aveva espresso il desiderio di una maggiore ambizione, facendo applicare le decisioni prese a Copenaghen e Cancun. Sono in molti p…

Durban: ci sarà forse uno straccio di accordo in zona Cesarini? Chissà!

Immagine
Già un paio d'anni fa il governo delle Maldive, in un atto propagandistico, indisse un Consiglio dei Ministri in una originale riunione tra il presidente delle Maldive Mohamed Nasheed e il suo gabinetto, sotto la superficie del mare al largo della laguna Girifushi, tenutasi a sei metri di profondità, utilizzando i segnali a mano per comunicare tra loro, tra bolle che fuoriuscivano dalle maschere subacquee e pesci che nuotavano attorno.

La riunione, che mirava ad attirare l'attenzione sul timore dell'aumento del livello degli oceani, è tuttora un grido d'allarme che potrebbe accadere se il cambiamento climatico non verrà controllato. Il nemico numero uno da combattere, cioè il riscaldamento globale, minaccia  almeno 15 stati arcipelago nel Pacifico, secondo quanto riporta un nuovo rapporto australiano.

Paradisi naturali come le Figi, Papa nuova Guinea, le isole Salomone rischiano di essere sommerse entro 80 anni. E l'allarme si spinge sino in Sud Africa, a Durban, d…

Durban: un barlume di speranza per il Fondo verde sul clima

Immagine
Dal nostro inviato a Durban John Keyman

Anche se non ci sono i presupposti per dare seguito alla proroga del Protocollo di Kyoto, qui a Durban ci si avvia alla conclusione della 17 ° Conferenza delle Parti (COP17) della convenzione quadro delle Nazioni Unite 'sui cambiamenti climatici (UNFCCC), che registrano già da martedì colloqui ad alto livello per tentare di superare le differenze su questioni importanti rimaste impantanate. Purtuttavia, un barlume di speranza aleggia sulla realizzazione del Fondo verde per il clima.

I colloqui ad alto livello sono concentrati su due questioni spinose lasciate irrisolte nel corso dei colloqui preliminari,  e che sono il periodo di impegno ai sensi del protocollo di Kyoto e l'istituzione del GCF (Green Climate Fund), il fondo verde per il clima.

In un discorso ai delegati, il Segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon ha invitato la comunità internazionale a "mantenere l'impulso" nella lotta contro il cambiamento climatic…

Durban: un altro vertice inconcludente

Immagine
Dal nostro inviato a Durban John Keyman

Comincia oggi la settimana cruciale per trovare un accordo soddisfacente sul clima. Fino a qualche tempo fa l'argomento sui cambiamenti climatici veniva trattato con più convinzione e senso di responsabilità, ma i morsi della crisi economica hanno reso i politici meno propensi nel fermare i cambiamenti climatici. Ministri e leader del mondo si sono raccolti a migliaia nel fine settimana per elaborare un piano efficiente sul come salvare il pianeta. Eppure pochi di noi sembrano averlo notato.

Nonostante gli avvertimenti apocalittici sulle temperature che stanno raggiungendo livelli record con le emissioni di carbonio che aumentano sempre più rapidamente, i delegati alla conferenza Onu sul clima, come lo è stato a Cancun, vale anche qui a Durban, sono ben lungi dal raggiungimento di un accordo. Purtuttavia, secondo l'International Energy Agency, senza ulteriori sforzi aggressivi per ridurre le emissioni, il mondo mancherà l'occasione d…

Durban: sfilano per le strade del centro i manifestanti

Immagine
Dal nostro inviato a Durban John Keyman

Proprio prima di mezzogiorno, migliaia di persone si sono riunite a Dr Pixley Kaseme Street  (ex West Street) per manifestare il loro parere sui cambiamenti climatici. La marcia si è poi diretta verso l'International Convention Centre dove si sta svolgendo la Conferenza.

I manifestanti si confronteranno poi con una serie di relatori tra cui Zwelinzima, Segretario Generale del Congress of SA Trade Unions General e il succo delle argomentazioni saranno poi consegnate al segretario Christiana Figueres alla Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Quattro Nyalas della polizia e un grande cannone ad acqua ha preceduto la marcia, mentre la polizia in assetto antisommossa ha seguito il corteo scortata da un aereo da ricognizione e un elicottero della polizia, ben visibili da tutti.

I manifestanti - parte della società civile, sindacati, organizzazioni religiose, oltre ad artisti e musicisti - hanno marciato rumorosamente ma paci…